Il buzz marketing è una tecnica di viral marketing che è incentrata sulla massimizzazione del passaparola. Il buzz marketing indirizza verso una specifica campagna o prodotto con una semplice comunicazione tra familiari e amici o in più larga scala con discussioni con post sui social media. Le aziende che utilizzano il buzz marketing vuole aumentare nei suoi consumatori la consapevolezza del prodotto, utilizzando forse la tecnica più antica del mondo applicata al web marketing analizzando di quanto il traffico online è aumentato e quanto sono cresciute le vendite. In sostanza si esorta il consumatore a condividere l’esperienza con i conoscenti dopo aver provato il prodotto.

BUZZ MARKETING: GLI INFLUENCER

Ebbene si,gli influencer, quelli di cui tutti parlano, sono coloro che materialmente mettono in atto il buzz marketing. Questo perché sono in grado, grazie al seguito sui social, di avere influenza su chi li legge. Questo perché un influencer è in grado di attirare interesse perché le sue opinioni hanno visibilità sui social ottenendo cosi un effetto positivo sulle vendite e sulla visibilità del prodotto. I marketer puntano ad avere gli influencer per destare interesse sul prodotto, puntano a persone anche famose, che sono in grado da subito di dare credibilità al prodotto e una visibilità quasi istantanea

BUZZ MARKETING: I SOCIAL MEDIA

Nel buzz marketing i social media sono la componente fondamentale. I principali social media sono Facebook, Twitter e Instagram, tutte le aziende mantengono visibilutà su questi social media. La motivazione principale per cui le aziende utilizzano questi social media è per mantenere i rapporti con i clienti, ricevere feedback, fornire assistenza e la promozione di prodotti e servizi. Le aziende che utilizzano il buzz marketing, possono creare video, i più diversi, tutti volti a suscitare interesse per indurre la gente a parlarne. Le aziende utilizzano i social media in modo che le persone parlino del loro prodotti, i contenuti sui social media delle aziende sono volti appunto al coinvolgimento  di chi guarda il video, legge il post o vede la foto.

 

Categorie: Marketing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *